Monte Kenya

Il bacino del Monte Kenya è un patrimonio dell’umanità, ed è anche un’importante fonte idrica in Kenya. La foresta del Monte Kenya è un grande serbatoio di carbonio in Kenya. Nel febbraio del 2019 un enorme incendio ha bruciato 100,000 ettari di brughiera e di alberi indigeni. Il fuoco ha minacciato la foresta di bambù naturale. (BBC NEWS-https://www.bbc.com/news/world-africa-47401902). Questo è stato causato da giovani che sgomberano il cespuglio per preparare la terra per coltivare marijuana. La foto mostra gli agenti della sicurezza e i membri del pubblico, tra cui MOOF, che aiutano a far spegnere il fuoco. La povertà, l’ozio, la disperazione, l’insicurezza alimentare, la disoccupazione conduce i giovani a concedersi attività illecite per fare soldi e lavoro. (foto del Monte Kenya visto da MOOF Africa).

L’Africa di MOOF si rivolge ai giovani, che sono il 60 % della popolazione keniota, ad essere impegnati in imprese sostenibili nelle aziende agricole.

Gli agricoltori aprono anche terreni fertili nella foresta del Monte Kenya per coltivare patate, e ortaggi perché il terreno nelle loro aziende agricole è stato degradato da un uso eccessivo di fertilizzanti sintetici e pesticidi. Le imprese di permacultura e di agricoltura biologica sostengono i giovani e gli agricoltori per generare reddito nelle aziende agricole. In questo modo si inverte il movimento verso l’invasione della foresta del Monte Kenya e si fermano gli incendi ricorrenti durante il febbraio di ogni anno.

Unisciti a noi per essere custode ed amico del Bacino del monte Kenya tramite una donazione alle nostre imprese di permacultura. Per prevenire l’incendio che succedera nel febbraio 2020!

Dona a https://moofafrica.com/donate/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *